Category Archives: Italiano

(it) Italia: Nuove pubblicazioni delle Edizioni Anarchismo – “Negazine” n. 3 e “Nemici di ogni frontiera”

Italia: Nuove pubblicazioni delle Edizioni Anarchismo – “Negazine” n. 3 e “Nemici di ogni frontiera”

https://www.edizionianarchismo.net/special/i-x-index-3.pngNegazine, n. 3

Molto rumore per nulla. Questo rumore ci sembra sia, quasi sempre, diretto a cercare un semplificatore, da qualche parte e a qualsiasi costo. Per carità, metteteci davanti agli occhi un testo in grado di essere colto nei suoi più reconditi significati senza sforzo alcuno oppure, se proprio vogliamo darla giù dura, con sforzi piccoli, dosati e progressivi. Insomma, qualcosa da leggersi mentre si mangia a tavola, accanto a un piatto di minestra.

Niente che richieda una prima e una seconda lettura, nulla che costringa a riflettere per più di qualche secondo, giustappunto come prevede il codice dell’attuale alfabetizzazione. Continue reading

(it-en) Atene, Grecia: Riguardo il nuovo processo contro Lotta Rivoluzionaria (gennaio 2020)

https://anarchistsworldwide.noblogs.org/files/2020/01/EA_RS_2-300x219.jpgAtene, Grecia: Riguardo il nuovo processo contro Lotta Rivoluzionaria (gennaio 2020)

Il nuovo processo contro Lotta Rivoluzionaria [Επαναστατικού Αγώνα, “Epanastatikòs Agonas”] continuerà, presso il tribunale posto nel carcere di Korydallos (ad Atene), venerdì 10 gennaio 2020, alle ore 9.00. Questo procedimento giudiziario in corso contro l’organizzazione e i suoi membri rientra nella più ampia serie di processi che continuano a coinvolgere e ad essere rivolti contro i compagni, in particolare Pola Roupa e Nikos Maziotis. Le accuse di questo processo si riferiscono ad un’autobomba abbandonata e scoperta dalla polizia nell’estate del 2017, sette mesi dopo l’arresto di Pola Roupa, avvenuto il 5 gennaio dello stesso anno. Nikos Maziotis, invece, si trova in carcere dal 16 luglio 2014. In questo processo i compagni sono accusati di “fornitura, possesso e fabbricazione di esplosivi”. [La data dell’udienza di questo nuovo processo è stata riportata in “Athens Indymedia” a questo link: https://athens.indymedia.org/post/1602395/]. Continue reading

(it-en) Iran e Afghanistan: Dichiarazione dell'”Anarchist Era Collective” sull’assassinio di un terrorista di Stato iraniano (03/01/2020)

Iran e Afghanistan: Dichiarazione dell'”Anarchist Era Collective” sull’assassinio di un terrorista di Stato iraniano (03/01/2020)

Qassem Soleimani ha tormentato a lungo il popolo e ci rallegriamo con i sopravvissuti ai suoi crimini in Medio Oriente, in particolare Siria, Iraq e Yemen. Ma mentre siamo lieti della morte di questo criminale di guerra, dichiariamo la nostra forte opposizione alla possibilità di una guerra di Stato (tra il terrorismo di Stato degli USA e il terrorismo di Stato iraniano). Continue reading

(it-en-fr) Italia: Non sono mele marce. Manifesto in solidarietà a Paska (gennaio 2020)

https://roundrobin.info/wp-content/uploads/2020/01/manif.pngItalia: Non sono mele marce. Manifesto in solidarietà a Paska (gennaio 2020)

Il 17 settembre 2019 si è aperto il processo ai danni del nostro compagno Paska, accusato di resistenza e lesioni aggravate nei confronti dei suoi carcerieri, in occasione di una traduzione [da un carcere ad un altro].

I due spintoni dati ad alcuni secondini della scorta sono stati la reazione minima al trattamento che, in più occasione, gli avevano riservato: da ultimo, nella trasferta del 18 ottobre 2018, una guida da rally del blindato che gli aveva provocato un forte colpo alla testa e al costato.

D’altra parte, fin dal suo arrivo a La Spezia la direzione carceraria aveva deciso di riservargli in modo arbitrario misure ancor più restrittive, come rallentamenti della posta, divieti di incontro, isolamento, fino al regime differenziato di 14bis, corredato dal divieto di fare l’aria con gli altri detenuti. Continue reading

(it-en-fr) Savasse (Drôme), Francia: Incendiata una antenna per la telefonia mobile (29/12/2019)

https://attaque.noblogs.org/files/2019/12/savasse.jpgSavasse (Drôme), Francia: Incendiata una antenna per la telefonia mobile (29/12/2019)

Testo rielaborato dai media di regime.

L’incendio è scoppiato alle ore 3.30 di domenica 29 dicembre 2019: l’antenna per la telefonia mobile, a servizio di più operatori del settore, situata a Savasse, vicino a Montélimar, è stata distrutta da un incendio, privando del telefono 17.500 abbonati SFR situati nella parte meridionale della Drôme e dell’Ardèche. Continue reading

(it-en) Atene, Grecia: Alcune rivendicazioni di azioni (novembre – dicembre 2019)

Atene, Grecia: Alcune rivendicazioni di azioni (novembre – dicembre 2019)


https://athens.indymedia.org/media/upload/2019/11/13/D1.jpegAtene, Grecia: Rivendicazione dell’attacco contro la MAT e la DIAS delle forze di polizia greche (07/11/2019)

Nella notte di giovedì 7 novembre 2019, abbiamo scelto di attaccare un furgone della polizia antisommossa (“MAT”), posto di fronte agli uffici di Kinal (ex Pasok), e la polizia in motocicletta (“DIAS”) che li accompagnava durante il loro cambio di turno. La nostra scelta è stata totalmente mirata.

In una situazione in cui il governo di Nea Dimokratia [“Nuova Democrazia”, partito politico greco] ha scatenato una caccia all’uomo contro chiunque combatta, in una congiuntura volta a sfrattare gli spazi di lotta politico-sociali e per i migranti, in una situazione di concreta abolizione dell’università come spazio d’asilo, quindi l’invasione della MAT e degli sbirri OPKE nelle università – in questa situazione abbiamo scelto di fare un’imboscata contro la feccia della MAT e i lacchè delle forze DIAS, e di attaccarli da due lati con ordigni incendiari, distruggendo le loro moto, ferendone tre e contemporaneamente cercando di bruciare il furgone immobilizzato in via Eressou. Continue reading

(it-en-fr) Marsiglia, Francia: Bagliori notturni (11/12/2019)

Marsiglia, Francia: Bagliori notturni (11/12/2019)

La notte fra il 10 e l’11 dicembre, delle mani indocili (e munite di accendini jet flame recalcitranti) hanno dato fuoco a diversi veicoli dei servizi del Comune, nascosti dietro un alto portone in rue Jacques Hébert a Marsiglia. Continue reading

(it-en) Atene, Grecia: Rioccupazione di Villa Kouvelou (22/12/2019)

https://actforfree.nostate.net/wp-content/uploads/2019/12/20191222_Villa_Kouvelou_resquatted_Athens.jpgAtene, Grecia: Rioccupazione di Villa Kouvelou (22/12/2019)

Oggi, 22 dicembre 2019, Villa Kouvelou è stata nuovamente occupata assieme a molte persone. Siamo partiti organizzati, abbiamo deciso di fare una manifestazione per le strade di Marousi e nel centro commerciale sempre a Marousi. Dopo la dimostrazione, i poliziotti OPKE e i poliziotti antisommossa (MAT) hanno attaccato senza motivo. Hanno lanciato gas lacrimogeni sulle persone che facevano la spesa nel centro commerciale. La maggior parte delle persone se ne sono andate tutte insieme, ma non c’è immagine né fotografia di questo momento. Continue reading

(it-en-es) Cile: Contro l’oblio e il rimorso – ¡Sebastian “Angry” Oversluij presente! (dicembre 2019)

Cile: Contro l’oblio e il rimorso – ¡Sebastian “Angry” Oversluij presente! (dicembre 2019)

Sono già passati sei anni da quando il nostro compagno anarchico è caduto colpito dai proiettili di una guardia di sicurezza durante un tentativo di esproprio ad una banca, l’11 dicembre 2013.

Da quel giorno sono state iniziate ad essere scritte parole di memoria, permettendo alla vita del compagno di continuare nell’azione anarchica, ricordando i vari strumenti che il compagno ha usato come armi contro il potere partecipando a progetti musicali, biblioteche, pianificando e prendendo parte all’azione diretta. Continue reading

(it-en) Grecia: Alcuni aggiornamenti riguardo gli anarchici Christoforos Kortesis e Kostas Sakkas (dicembre 2019)

https://actforfree.nostate.net/wp-content/uploads/2019/12/8-8vMdzr-150x150.jpgGrecia: Alcuni aggiornamenti riguardo gli anarchici Christoforos Kortesis e Kostas Sakkas (dicembre 2019)

In data 26/12/2019 l’anarchico Christoforos Kortesis, detenuto nel carcere di Korydallos da metà luglio a seguito di un tentativo di esproprio di prodotti della multinazionale francese Leroy Merlin, è stato scarcerato ed è soggetto ad alcune restrizioni. Continue reading

(it-en) Tortolì, Sardegna (Italia): Incendiata l’automobile del comandante dei carabinieri (17/11/2019)

https://sardegnaanarchica.files.wordpress.com/2019/11/d316c045e5e5d9c893582dfd6be37b6b.jpgTortolì, Sardegna (Italia): Incendiata l’automobile del comandante dei carabinieri (17/11/2019)

Tortolì, 17 novembre. Attacco incendiario nella notte ad opera di anonimi contro l’auto del comandate dei carabinieri di Tortolì, Marcello Cangelosi. La vettura, una Alfa 159, è stata data alle fiamme proprio di fronte alla caserma, nei pressi dell’abitazione del militare. Sul posto sono intervenuti i colleghi del maresciallo e i Vigili del fuoco, ma nulla hanno potuto fare per salvare l’auto. Continue reading

(it-en) Italia: Operazione “Panico” – Nuovo conto per benefit e contributi solidali (dicembre 2019)

https://anarhija.info/library/g-p-grecia-per-i-13-anni-di-carcere-a-irianna-14-0-1.jpgItalia: Operazione “Panico” – Nuovo conto per benefit e contributi solidali (dicembre 2019)

Abbiamo cambiato carta per raccogliere i soldi benefit per l’operazione Panico, sia per le spese legali che per quelle dei prigionieri. Le nuove coordinate sono:

Carta postepay evolution n. 5333 1710 9589 2077 intestata a Micol Marino. IBAN: IT22M3608105138272359572366.

La precedente carta non verrà più utilizzata. Continue reading

(it-fr) Genova, Italia: Solidarietà con Beppe (dicembre 2019)

https://anarhija.info/library/i-a-italia-aggiornamento-su-prigionieri-anarchici-1.jpgGenova, Italia: Solidarietà con Beppe (dicembre 2019)

I carabinieri del ROS hanno eseguito nella giornata di giovedì 17 dicembre un’ordinanza di custodia cautelare al compagno anarchico Giuseppe Bruna, già rinchiuso nel carcere di Pavia in seguito all’“Operazione Prometeo”, nella quale veniva accusato dell’invio di plichi esplosivi a due magistrati torinesi impegnati nella lotta agli anarchici e al direttore del DAP impegnato nelle sue attività di carceriere.

Nell’ordinanza più recente gli vengono mosse accuse relative al posizionamento di un ordigno nei pressi di un postamat nella città di Genova, in un periodo in cui le poste italiane subivano numerosi attacchi in tutta la penisola causa la loro collaborazione alle espulsioni degli immigrati attraverso la compagnia aerea Mistral Air. Continue reading

(it-en-es) Madrid, Spagna: Lo spazio anarchico La Emboscada è a rischio sgombero (17/12/2019)

https://en.squat.net/wp-content/uploads/en/2019/12/mani_desalojo_emboscada.jpgMadrid, Spagna: Lo spazio anarchico La Emboscada è a rischio sgombero (17/12/2019)

Sgombero precauzionale de “La Emboscada”
20 dicembre 2019

Ciao compagni!
Scriviamo questa dichiarazione da La Emboscada (Tetuán, Madrid), per informare che lo scorso 17 dicembre un giudice ha ordinato il nostro sgombero precauzionale a seguito di una denuncia fatta da uno dei proprietari dell’edificio in cui è presente lo spazio anarchico occupato La Emboscada.

Secondo questa notifica, lo sgombero potrebbe essere molto vicino, a meno di venti giorni. Considerando queste informazioni, abbiamo deciso di combattere con tutte le nostre capacità per fermare questo sgombero. Dunque chiamiamo, per il giorno dello sgombero, ad un concetramento durante la sera, alle ore 20.00, e contiamo sul vostro supporto. Il luogo del concentramento non sarà pubblico fino all’ultimo istante, quindi ti invitiamo ad avere attenzione. Continue reading

(it-en) Italia: Operazione “Renata” – Stecco è stato trasferito nel carcere di Modena (dicembre 2019)

Italia: Operazione “Renata” – Stecco è stato trasferito nel carcere di Modena (dicembre 2019)

Apprendiamo che Stecco, anarchico arrestato il 19/02/2019 nel contesto dell’operazione repressiva “Renata” in Trentino, è stato trasferito dalla sezione AS2 (“Alta Sorveglianza 2”) del carcere di Ferrara a quello di Modena. Il 5 dicembre il tribunale di Trento ha emesso la sentenza contro i sette anarchici arrestati per l’operazione “Renata”: sei sono stati condannati a pene tra 2 anni e 6 mesi e 1 anno e 9 mesi, mentre uno è stato assolto da ogni accusa. Sono cadute le accuse di “associazione sovversiva con finalità di terrorismo e di eversione dell’ordine democratico” (quattro imputati) e di “attentato con finalità di terrorismo” (sette imputati), per cui i compagni sono stati condannati per i reati di “produzione di documenti falsi”, “danneggiamento” e “violazione della legge sulle armi”. Stecco, a causa di una precedente sentenza nel fratempo divenuta definitiva, è l’unico a trovarsi in carcere. Continue reading

(it-en) Atene, Grecia: Rivendicazione dell’incendio dell’albero di natale nella piazza di Exarchia (18/12/2019)

https://athens.indymedia.org/media/upload/2019/12/20/80102475_2650579891685080_5286004207546007552_n.jpgAtene, Grecia: Rivendicazione dell’incendio dell’albero di natale nella piazza di Exarchia (18/12/2019)

Mercoledì 18/12/2019, verso le ore 23.45, noi, come gruppo di anarchici, abbiamo bruciato l’albero di Natale in piazza Exarchia, che il regime ha messo nella piazza durante la mattina stessa.

La nostra risposta al regime è molto chiara:

1) La resistenza ad Exarchia (e in altre aree) non finisce mai.

2) Noi come proletariato e come oppressi non celebriamo queste feste perché non sono la nostra cultura, la nostra cultura è resistenza e lotta per la rivoluzione sociale e la nostra celebrazione è la rivoluzione sociale stessa, che creerà libertà e uguaglianza nella nostra vita. Continue reading

(it-en) Atene, Grecia: ¡No Pasarán! Anarchici reagiscono allo sgombero del Kouvelou Squat (17-18/12/2019)

https://anarchistsworldwide.noblogs.org/files/2019/12/no_pasaran_.jpgAtene, Grecia: ¡No Pasarán! Anarchici reagiscono allo sgombero del Kouvelou Squat (17-18/12/2019)

Il governo greco è entrato in guerra con anarchici ed antiautoritari, dopo il termine dell’ultimatum di 15 giorni emesso dal Ministero dell’ordine pubblico nei confronti delle dozzine di occupazioni a carattere politico ed abitativo per persone rifugiate situate in tutta la Grecia (alcuni tra questi squat esistono da più di 30 anni), minacciando le occupazioni di sgomberi violenti da parte della polizia in assetto antisommossa e delle altre forze speciali di polizia nel caso non fossero stati abbandonati entro la scadenza imposta. L’ultimatum è terminato giovedì 5 dicembre 2019; una decisione politica dello Stato greco che mira ad agitare e a creare una “atmosfera esplosiva”. Continue reading

(it-en-es) Genova, Italia: Volantino in solidarietà con Alfredo e Nicola (07/12/2019)

https://anarhija.info/library/i-u-italija-uvijek-visoko-uzdignute-glave-poziv-na-1.jpgGenova, Italia: Volantino in solidarietà con Alfredo e Nicola (07/12/2019)

Inviamo un contributo che distribuiremo nell’occasione di un corteo indetto a Genova per il 7 dicembre prossimo nell’ambito di una campagna di boicottaggio promossa da una rete antagonista antimilitarista contro Leonardo/Finmeccanica.

Saremo presenti in quella situazione perchè ci sembra doveroso ricordare l’attacco scagliato da Alfredo e Nicola contro Ansaldo Nucleare e Finmeccanica per il suo imprescindibile contributo alla lotta contro il nucleare e l’industria bellica.

Saremo quindi presenti all’appuntamento indetto dalla rete antimilitarista il giorno 7 dicembre alle ore 15.30 in Piazza Baracca a Sestri Ponente a Genova. Continue reading

(it-en) Italia: Operazione “Prometeo” – La corrispondenza di Natascia non è più sottoposta a censura (dicembre 2019)

Italia: Operazione “Prometeo” – La corrispondenza di Natascia non è più sottoposta a censura (dicembre 2019)

Finalmente, dopo sette mesi, la corrispondenza di Nat non è più sottoposta a censura. Nulla da festeggiare, certo, ma è comunque uno spiraglio di luce tra quei maledetti muri che ci separano dalla nostra compagna. Continue reading

(it-en) Italia: Aggiornamento su Peppe – Il tribunale del riesame ha confermato la misura cautelare in carcere (13/12/2019)

Italia: Aggiornamento su Peppe – Il tribunale del riesame ha confermato la misura cautelare in carcere (13/12/2019)

Il 13 dicembre, a Torino, ha avuto luogo l’udienza per il riesame delle misure cautelari di Peppe, anarchico arrestato a Verona il 26 novembre e immediatamente tradotto nel carcere di Montorio, sempre a Verona. Il tribunale del riesame ha purtroppo confermato la misura cautelare in carcere. Continue reading

(it-en) Italia: Ulteriore mandato d’arresto per Giuseppe, anarchico prigioniero per l’operazione “Prometeo” (17/12/2019)

Italia: Ulteriore mandato d’arresto per Giuseppe, anarchico prigioniero per l’operazione “Prometeo” (17/12/2019)

Apprendiamo che nella mattina di martedì 17 dicembre 2019 Giuseppe, già in carcere per l’operazione “Prometeo” (arresti del 21 maggio, per cui anche Natascia è in carcere, mentre Robert è stato scarcerato), è stato raggiunto da un altro mandato di arresto nell’ambito di un’operazione condotta dal ROS (“Raggruppamento Operativo Speciale”) dei Carabinieri sotto la direzione del pool Antiterrorismo della Procura di Torino. È accusato di aver tentato di distruggere con un ordigno incendiario un postamat Genova, azione risalente a giugno 2016. Questa azione era compresa nella lista dei fatti che andavano a corroborare le accuse dell’operazione “Scintilla” (arresti del 7 febbraio e sgombero dell’Asilo Occupato di via Alessandria a Torino). Continue reading

(it-en) Trento, Italia: Operazione “Renata” – Sentenza del processo di primo grado (05/12/2019)

Trento, Italia: Operazione “Renata” – Sentenza del processo di primo grado (05/12/2019)

Giovedì 5 dicembre si è tenuta la seconda udienza di primo grado del processo per l’operazione Renata.

Dopo le requisitorie dei PM e l’arringa della difesa, attorno alle 14:30 è arrivata la sentenza: sono cadute le accuse di associazione sovversiva con finalità di terrorismo e di eversione dell’ordine democratico nonché le aggravanti di terrorismo per coloro ai quali non veniva contestato il reato associativo. Sono così state emesse delle condanne per reati specifici (produzione di documenti falsi, danneggiamento, violazione della legge sulle armi). Poza è stato condannato a due anni e sei mesi; Agnese e Stecco a due anni; Rupert a un anno e nove mesi; Sasha e Nico a un anno e dieci mesi; Giulio è stato assolto e liberato il giorno stesso. Continue reading

(it-en) Italia: Operazione “Prometeo” – Robert è stato scarcerato (02/12/2019)

https://anarhija.info/library/i-a-italia-aggiornamento-su-prigionieri-anarchici-1.jpgItalia: Operazione “Prometeo” – Robert è stato scarcerato (02/12/2019)

Come pubblicato da roundrobin.info, apprendiamo che Robert, anarchico arrestato il 21 maggio di quest’anno per l’operazione “Prometeo”, è stato scarcerato:

Apprendiamo che in data 2 dicembre 2019 hanno liberato Robert!
È libero e senza misure e sta bene!
Beppe e Nat invece rimangono ancora in carcere, rispettivamente a Pavia e Piacenza.
Seguiranno aggiornamenti! Continue reading

(it-fr) Parigi, Francia: Incendiato un furgone del comune (26/11/2019)

Parigi, Francia: Incendiato un furgone del comune (26/11/2019)

“L’essenza della soldiarietà sono la continuazione e l’inasprimento dell’offensiva anarchica…
La solidarietà trasmette il messaggio concreto che tutto continua”. *

La rivolta sociale in Cile ci fa sperare e ci da della forza. Ma sognare davanti ad uno schermo non basta, anzi partecipa allo spettacolo di questo mondo.
Abbiamo dato ascolto agli appelli alla solidarietà che arrivano dagli anarchici del Cile e abbiamo quindi deciso di fare qualcosa, anche qualcosa di piccolo, contro questo mondo che ci sfrutta e ci priva di libertà.
In particolare, contro il Comune di Parigi, che Hidalgo [Anne Hidalgo, sindaca di Parigi, iscritta al Parti Socialiste] vuole dotare di una Polizia municipale (c’è già il servizio Sicurezza della città, ben presente nelle strade per tormentare i più poveri).
La notte fra il 25 e il 26 novembre [2019] abbiamo incendiato un furgone del Comune, nella rue Duc (diciottesimo arrondissement). Continue reading

(it) Genova, Italia: Attacco incendiario contro un’automobile del corpo consolare turco (29/11/2019)

http://www.ansa.it/webimages/img_457x/2019/11/29/01cd6c90ab8ee30c7813990e0b6d3e75.jpgGenova, Italia: Attacco incendiario contro un’automobile del corpo consolare turco (29/11/2019)

I militari nelle strade di Genova, a chi fanno la guerra?

La guerra non la si può comprendere se non la si vive con i propri sensi.
Vedere corpi mutilati, respirare l’odore acre del sangue o dello zolfo dei proiettili sparati, il fracasso delle bombe che sventrano i palazzi o il contorcersi delle lamiere, è qualcosa che gran parte di noi occidentali nati dopo il secondo conflitto globale, siamo riusciti a vedere solo in tv.
Non abbiamo assolutamente idea di cosa possa significare avere la guerra in casa.

A Genova nella centralissima Castelletto nel primo pomeriggio di oggi 29 Novembre [2019], mentre infuria il Black Friday, noi ci siamo presi la briga di incendiare un’automobile.
Apparteneva al corpo consolare Turco.

I boati dei pneumatici, la puzza della plastica che brucia, le fiamme, il fumo; ecco, quello che gli abitanti della ricca [città] hanno vissuto per pochi minuti è una ridicola percentuale di cosa significhi avere la guerra in casa, escludendo le scene atroci di corpi dilaniati.
Guerre che gli stati tutti, in particolare quelli più “sviluppati”, perpetrano con rigorosa costanza contro le proprie e altrui popolazioni. Continue reading

(it-en) Torino, Italia: Danneggiate cinque banche in solidarietà con gli imputati nel processo per l’operazione “Renata” (27/11/2019)

https://anarchistsworldwide.noblogs.org/files/2019/12/1.jpegTorino, Italia: Danneggiate cinque banche in solidarietà con gli imputati nel processo per l’operazione “Renata” (27/11/2019)

Danneggiate 5 banche in solidarietà a compagne e compagni trentini colpiti da operazione renata.
Torino. 27 novembre. Continue reading

(it-en-fr-es) Italia: Arrestato l’anarchico Giuseppe Sciacca (26/11/2019)

Italia: Arrestato l’anarchico Giuseppe Sciacca (26/11/2019)

Apprendiamo che nella mattinata del 26 novembre è stato arrestato dalla DIGOS di Torino, in provincia di Verona, il compagno anarchico Giuseppe Sciacca. Contestualmente all’arresto è stata perquisita l’abitazione dove risiede. Attualmente non è noto se siano avvenute altre perquisizioni. L’accusa è di “fabbricazione, detenzione e trasporto di materiale esplosivo”, per l’invio, nel 2016, di un plico esplosivo alla Ladisa, l’azienda che allora gestiva la mensa nel CPR di Torino. Un episodio già contestato, insieme ad altri, agli arrestati del 7 febbraio scorso all’interno dell’operazione repressiva “Scintilla”; difatti una nota della questura torinese definisce l’arresto come una sorta di estensione di questa operazione. Continue reading

(it-en) Atene, Grecia: Dichiarazione dell’anarchico rifugiato Abtin Parsa (23/11/2019)

Atene, Grecia: Dichiarazione dell’anarchico rifugiato Abtin Parsa (23/11/2019)

Giorni dopo essere stato seguito e giorni dopo che la mia casa in Ano Patissia era stata sorvegliata dall’unità antiterroristica, ho pubblicato una dichiarazione politica che include anche un resoconto sugli eventi, il ​​27/10/2019 [https://athens.indymedia.org/post/1600684/].

Più tardi, il 09/11/2019, i poliziotti antiterrorismo che si trovavano vicino a casa mia hanno iniziato a muoversi diversamente. Allo stesso tempo, la repressione da parte dell’unità antiterroristica contro il movimento è divenuta più grave, come per l’arresto di compagni con l’accusa di essere coinvolti nell’organizzazione rivoluzionaria “Organizzazione di Autodifesa Rivoluzionaria”. Continue reading

(it) Cile: Contro le condanne della giustizia militare, per la necessità di distruggere l’inquisizione democratica. Appello anarchico di solidarietà con il prigioniero Marcelo Villaroel

Cile: Contro le condanne della giustizia militare, per la necessità di distruggere l’inquisizione democratica. Appello anarchico di solidarietà con il prigioniero Marcelo Villaroel

Pubblichiamo qui un opuscolo contenente un appello alla solidarietà per l’anarchico prigioniero Marcelo Villaroel, ostaggio nelle carceri cilene.

Contro le condanne della giustizia militare. Continue reading

(it-fr) Besançon, Francia: L’occasione che fa la combustione… (16/11/2019)

Besançon, Francia: L’occasione che fa la combustione… (16/11/2019)

Gilles e John* passeggiano, sabato 16 [novembre 2019], per le strade gelate di Besançon…

È il compleanno di Gilles e John. Non hanno voglia della torta. Vogliono un compleanno diverso dagli altri. Uno di quelli che fa la festa agli oppressori e ai loro porta-parole. E capita bene, le strade sono piene di auto d’istituzioni che sono altrettanti pilastri dell’ordine stabilito.

Dopo un anno passato a commuoversi nelle strade, ogni sabato, a prendere a sassate gli sbirri e a spaccare delle vetrine di questa società miserabile, sentono bene che la rabbia non c’è davvero più… non sono più pronti a tornare a gelarsi il culo su una rotonda… vogliono qualcos’altro. Allora, dopo una serata passata a evocare questo mondo che brucia, dalla rivolta degli ombrelli a Hong Kong alle gioiose notti insorte di Santiago, mettono i giubbotti, si coprono con berretti e sciarpe ed escono ad affrontare il freddo glaciale della notte. Continue reading

(it-en) Rennes, Francia: Vincenzo è stato scarcerato (15/11/2019)

https://attaque.noblogs.org/files/2019/08/LC.jpgRennes, Francia: Vincenzo è stato scarcerato (15/11/2019)

Apprendiamo che in data 15/11/2019 l’anarchico Vincenzo Vecchi è stato scarcerato dal carcere di Rennes, in Francia. Vincenzo è stato arrestato l’8 agosto di quest’anno, sempre in Francia, grazie al lavoro congiunto delle polizie francese ed italiana, con l’apporto dell’”antiterrorismo” italiano. Era ricercato e latitante dal 2012 a seguito della sentenza definitiva a circa 11 anni e 6 mesi di carcere per accuse (specificatamente, il reato di “devastazione e saccheggio”) inerenti le giornate di rivolta contro il G8 di Genova (luglio 2001). Contro di lui erano stati emessi due mandati d’arresto internazionali da parte delle procure di Genova e Milano (quest’ultimo legato ad una condanna a quattro anni di carcere per la partecipazione ad una manifestazione antifascista contro il partito “Fiamma Tricolore”, a Milano, nel 2006). Continue reading

(it-en) Parigi, Francia: Resoconto del processo a Claudio Lavazza (4-8/11/2019)

Parigi, Francia: Resoconto del processo a Claudio Lavazza (4-8/11/2019)

Claudio Lavazza, ribelle, anarchico, rapinatore e galantuomo che ha partecipato negli anni ’70 in Italia alla lotta contro lo Stato e il Capitale, armi alla mano. Contrariamente agli affossatori della sovversione di quegli anni, non ha mai barattato il desiderio di stravolgere tutto per una carriera politica, non si è rassegnato, né ha cercato riparo in altri stati che potevano accordargli una libertà controllata. No, ha continuato a lottare, contro venti e maree.

Dopo 16 anni di latitanza, durante i quali non ha mai rinunciato alla sua coerenza di anarchico né alla gioia di vivere da uomo libero, nel 1996 è arrestato dopo una rapina in banca a Cordoba, in Spagna, durante la quale tre compagni, compreso Claudio, resteranno gravemente feriti e due poliziotte verranno uccise. Claudio sarà allora rinchiuso nei moduli speciali F.I.E.S., ed anche in questi luoghi mortiferi continuerà la sua battaglia con fermezza e perseveranza. Continue reading

(it-en) Madrid, Spagna: No COP25 – Tutti i proiettili saranno restituiti

https://actforfree.nostate.net/wp-content/uploads/2019/11/Bullets-724x1024.jpgMadrid, Spagna: No COP25 – Tutti i proiettili saranno restituiti

A partire dal 2 dicembre 2019, i signori della terra verranno a Madrid. Alcuni dei maggiori assassini di questo pianeta, dei maggiori responsabili della sua devastazione. Vengono per riempirsi la bocca e l’agenda con i prossimi piani della lotta contro il riscaldamento climatico. Mentre il capitalismo mondiale continua intatto e la maggior parte delle emissioni di CO2 fuoriescono dalla produzione industriale, mentre le sue imprese continuano devastando foreste e montagne per estrarre le loro risorse naturali. Continue reading

(it-en) Atene, Grecia: “Chiamata alla solidarietà per il compagno anarchico Christoforos Kortesis” e “Ovit S. A., Leroy Merlin, autorità – Tutte le merde collaborano insieme”

https://actforfree.nostate.net/wp-content/uploads/2017/11/44096-150x150.pngAtene, Grecia: “Chiamata alla solidarietà per il compagno anarchico Christoforos Kortesis” e “Ovit S. A., Leroy Merlin, autorità – Tutte le merde collaborano insieme”

Nota: Raccogliamo due testi sulla vicenda repressiva che, a partire da un furto in un negozio della catena Leroy Merlin, ha coinvolto alcuni compagni anarchici e ha portato alla carcerazione dell’anarchico C. Kortesis.


Atene, Grecia: Chiamata alla solidarietà per il compagno anarchico Christoforos Kortesis

Compagni,

il 12 luglio 2019 gli anarchici Christoforos Kortesis e Thimios A. hanno tentato di sottrarre alcuni prodotti di valore insignificante dal negozio Leroy Merlin di Peiraios, ad Atene. Attraverso una complessa manipolazione ad opera della compagnia di sicurezza OVIT e di Leroy Merlin, e mentre erano entrambi tenuti in ostaggio all’interno del negozio per tre ore, si è verificato un tentativo organizzato di coinvolgere nella vicenda il dipendente, e sindacalista combattente, Giannis A.. Le autorità giudiziarie hanno approfittato dell’occasione per restituire a C. Kortesis i molti anni di azione coerente e persistente nel movimento anarchico. Bisogna tenere presente che il compagno è detenuto in carcere dal 16 luglio, perseguitato tramite accuse potenziate e costruite, appositamente, ai sensi della legge terroristica per rapina. Le stesse accuse sono rivolte anche a Thimios A., mentre il dipendente Giannis A. viene accusato di essere un complice. Pavlos X., arrivato successivamente presso il negozio Leroy Merlin insieme ad altri tre compagni solidali, si trova a fronteggiare accuse criminali legate all'”occultamento”. Continue reading

(it-en) Kiev, Ucraina: Attacco contro antenne per la telefonia mobile di Lifecell/Turkcell, in solidarietà con la lotta in Kurdistan (11/11/2019)

https://anarchistsworldwide.noblogs.org/files/2019/11/youtube-768x437.pngKiev, Ucraina: Attacco contro antenne per la telefonia mobile di Lifecell/Turkcell, in solidarietà con la lotta in Kurdistan (11/11/2019)

Solidarietà con la lotta in Kurdistan: due antenne per la telefonia mobile gestite da Lifecell/Turkcell sono state distrutte nella regione di Kiev.

Nell’ottobre del 2019 lo Stato turco ha invaso la Siria settentrionale. L’obiettivo di questa aggressione era la Federazione Democratica della Siria settentrionale e orientale (nella regione del Rojava). Per colpa dei governanti il sangue viene versato di nuovo e persone pacifiche soffrono e muoiono. La finalità del presidente della Turchia, Erdogan, è quella di distruggere l’autonomia rivoluzionaria dei curdi siriani. I rivoluzionari del Kurdistan costruiscono una società popolare autogestita senza stato. E il Rojava è divenuto un esempio e un modello per i curdi in Turchia. Ecco perché il «sultano turco» ha iniziato una guerra. Continue reading

(it-en) Trento, Italia: Operazione “Renata” – Aggiornamento sul processo (novembre 2019)

Trento, Italia: Operazione “Renata” – Aggiornamento sul processo (novembre 2019)

L’udienza dell’operazione “Renata” che vede imputati e imputate Stecco, Sasha, Giulio, Poza, Agnese, Nico e Rupert e che doveva essere il 26 novembre è stata rinviata al 5 dicembre. È probabile che venga emessa la sentenza proprio quel giorno. Si invitano quindi le compagne e i compagni ad una presenza solidale fuori e dentro il tribunale giovedì 5 dicembre dalle ore 9.30. La sera l’appuntamento è alle ore 18.00 per un presidio davanti alla facoltà di Sociologia, in via Verdi n. 26 (Trento). Continue reading

(it-en) Salonicco, Grecia: Rivendicazione dell’incendio di un’automobile diplomatica (31/10/2019)

https://actforfree.nostate.net/wp-content/uploads/2019/11/5cabaacbdf8546d5df239cc3b9577d3a_xl.jpgSalonicco, Grecia: Rivendicazione dell’incendio di un’automobile diplomatica (31/10/2019)

La pace sociale in Cile è ormai una cosa del passato. Come pure la tolleranza e il consenso verso la barbarie statale e capitalista appartengono al passato. Sottomissione alla versione moderna della dittatura di Pinochet, rappresentata dal governo Pinera. Il Cile sta bruciando con la fiamma insurrezionale proletaria degli oppressi.

Tutto è iniziato il 19 ottobre, quando una protesta studentesca contro un aumento nei prezzi dei biglietti per i trasporti pubblici è stata accolta con una repressione violenta da parte delle forze di polizia. Da allora in poi, tutto ha preso il proprio corso. Ogni giorno milioni di ribelli inondano le strade, attaccano le forze di polizia, bruciano e saccheggiano i simboli della ricchezza e del potere. Stanno bruciando il loro passato, indirizzandosi verso gli insorgenti orizzonti di domani. Undici anni dopo la rivolta nei territori greci, questi ribelli ci ricordano ciò che abbiamo amato di più: il rifiuto di tornare alla normalità. Continue reading

(it-en) Milano, Italia: Attacco incendiario contro cinque automobili di Metropolitane Milanesi (06/11/2019)

https://attaque.noblogs.org/files/2019/11/via-forze-armate-300x169.jpgMilano, Italia: Attacco incendiario contro cinque automobili di Metropolitane Milanesi (06/11/2019)

La notte del 6 novembre 2019 abbiamo incendiato 5 auto di MM [Metropolitane Milanesi] in via Forze Armate a Milano perché MM è fra i responsabili degli sgomberi di case.
Questa azione è in solidarietà a tutti gli arrestati e indagati dopo lo sgombero dell’Asilo occupato a Torino.
In solidarietà ai colpiti dalla repressione a Barona in Milano.
In solidarietà a tutti i prigionieri. Continue reading

(it-en) Torino, Italia: Arresti del 20 settembre – Amma, Uzzo e Patrick sono stati trasferiti agli arresti domiciliari (12/11/2019)

https://www.autistici.org/macerie/wp-content/uploads/tettoasilo.jpgTorino, Italia: Arresti del 20 settembre – Amma, Uzzo e Patrick sono stati trasferiti agli arresti domiciliari (12/11/2019)

Apprendiamo che in data 12/11/2019 Amma, Uzzo e Patrick sono stati trasferiti dal carcere “Le Vallette” (Torino) agli arresti domiciliari, senza altre restrizioni particolari. Erano stati arrestati il 20/09/2019 nel contesto di una operazione repressiva volta ad eseguire alcune misure cautelari (in particolare, oltre ai loro arresti, circa una decina di “divieti di dimora” da Torino) ed alcune perquisizioni, in riferimento ad una indagine della procura di Torino per delle accuse riguardanti il corteo conflittuale del 9 febbraio di quest’anno, sempre a Torino, contro lo sgombero dell’Asilo Occupato e l’operazione repressiva “Scintilla” (07/02/2019), per la quale attualmente è imprigionata solo Silvia (da qualche mese agli arresti domiciliari con tutte le restrizioni). Il 20 settembre le forze dell’ordine, per arrestare un compagno avevano circondato l’occupazione Casa Brancaleone (a Milano), minacciandola di sgombero, poi non avvenuto perché il compagno è stato arrestato. Continue reading

(it-en) Atene, Grecia: Tre anarchici arrestati e uno ricercato a seguito di un’operazione anti-terrorista (09/11/2019)

Atene, Grecia: Tre anarchici arrestati e uno ricercato a seguito di un’operazione anti-terrorista (09/11/2019)

Il 9 novembre 2019 un’operazione anti-terrorista ha portato all’arresto di due anarchici, accusati di rapina e coinvolgimento in una organizzazione terroristica. Allo stesso tempo, le autorità sono alla ricerca di un altro compagno, cui sono rivolte le stesse accuse, ed è stata arrestata anche una compagna per delle accuse minori.

Libertà per i tre compagni accusati.
Forza al compagno ricercato per lo stessa indagine. Continue reading

(it-en-fr-es) Cagliari, Sardegna (Italia): Manifesto in solidarietà con gli indagati dell’operazione “Lince”

https://nobordersard.files.wordpress.com/2019/10/df2.png?w=500Cagliari, Sardegna (Italia): Manifesto in solidarietà con gli indagati dell’operazione “Lince”

No basi

Mercoledì 18 settembre 2019 la procura di Cagliari ha chiuso le indagini riguardanti il ciclo di lotta antimilitarista negli anni 2014 – 2017, accusando quarantacinque persone.

Cinque di essi sono accusati di 270bis, “associazione sovversiva con finalità di terrorismo”, mentre i restanti vengono accusati di aver preso parte ad alcuni momenti di lotta collettiva quali cortei ai poligoni [militari] o in città,o per aver violato un foglio di via.

Lo Stato italiano presenta ora il conto cercando di farla pagare ad alcuni  dei tanti che in quegli anni si sono battuti per bloccare le esercitazioni e per mettere i bastoni tra le ruote ai militari che occupano la nostra terra.
Questo attacco è diretto a tutti coloro che osano alzare la testa contro l’occupazione militare della Sardegna, a tutti coloro che non vogliono stare inermi davanti a chi, a pochi passi da noi, prepara le guerre o fabbrica le armi.
Accusano cinque persone di “terrorismo” e di aver diretto le lotte di quegli anni. Niente di più falso.

Chi ha partecipato a quei momenti lo sa bene, nessun capo e un solo obiettivo: bloccare le esercitazioni [militari].
Non saranno queste accuse a fermare la nostra rabbia o a placare la nostra determinazione, sappiamo di essere nel giusto e questo ci basta. Continue reading

(it-en-fr) Grand Est, Francia: Devono cadere (03/11/2019)

https://sansattendre.noblogs.org/files/2019/06/eole1po.jpgGrand Est, Francia: Devono cadere (03/11/2019)

Sabotaggio di piloni di misurazione per le pale eoliche, nella regione Grand Est.

Nella notte tra domenica e lunedì 3 novembre, abbiamo preso di mira dieci piloni di misurazione per le eoliche [servono per misurare la forza del vento, in vista dell’installazione di parchi eolici; NdT] nella regione Grand Est. Ne abbiamo fatti cadere sei e danneggiati tre, che non sono ancora caduti (sorpreeesa!!!). Questi piloni sono alti 100 metri, sono interamente in metallo ed hanno diversi cavi in acciaio, allineati su tre assi, per assicurarne la stabilità e se si tagliani i cavi, ecco… BADABUM! Un’altra cosa bella è che si trovano in campagna, spesso in zone molto isolate… Per tagliare i cavi in acciaio puoi tagliare tutti i fili con un tronchese o delle tenaglie (o tutto quello che credi opportuno e che se ne sta a far niente nella tua cassetta degli attrezzi), dal più lontano al più vicino al pilone, finché tutto crolla (di solito, dopo aver tagliato tre o quattro cavi). Tagliali tutti sullo stesso asse, così il pilone cadrà nella direzione opposta (pensa prima alla direzione in cui vuoi scappare, birichino!). Armati di perseveranza, perché, secondo la larghezza dei cavi, bisogna darci dentro; non esitare ad allontanarti un po’ quando cade, perché fa un casino d’inferno (certo, è divertente, ma fa pure un po’ paura). Continue reading

(it-en-es) Italia: Operazione “Scripta Manent” – Aggiornamento sul conto corrente a sostegno degli anarchici prigionieri (01/11/2019)

https://anarhija.info/library/i-u-italija-uvijek-visoko-uzdignute-glave-poziv-na-1.jpgItalia: Operazione “Scripta Manent” – Aggiornamento sul conto corrente a sostegno degli anarchici prigionieri (01/11/2019)

Nota: A differenza di quanto precedentemente pubblicato, il conto a sostegno dei compagni anarchici prigioneri per l’operazione “Scripta Manent” è ulteriormente cambiato. Riportiamo qui le coordinate del conto. Ricordiamo che cinque compagni (Nicola, Alfredo, Anna, Marco e Alessandro), nella sentenza che ha concluso il processo di primo grado, sono stati condannati a pene tra i 20 e i 5 anni di carcere, mentre 18 compagni sono stati assolti. Continue reading

(it-en-es) Lecce, Italia: Abbattiamo i muri del potere

Lecce, Italia: Abbattiamo i muri del potere

Abbattiamo i muri del potere

Sembra ormai norma che “Lecce città del turismo” non tolleri più alcun dissenso. Una città ormai del tutto gentrificata sinonimo di una città controllata. I muri eretti in seguito allo sgombero della nuova occupazione anarchica nel centro storico, in un edificio di proprietà comunale, parlano da soli. Al di fuori del consumo, nulla è concesso. E il centro storico di Lecce è ormai totalmente luogo di consumo, tra bar e ristoranti, locali alla moda e negozi di lusso, alberghi e B&B. Per i residenti di un tempo, additati perché abitanti del centro storico, non c’è più posto. Per i refrattari, di qualsiasi tipo, non c’è più posto. I muri si ergono per chi non si adegua o è diverso: che sia un immigrato vissuto occupando alle Giravolte per più di vent’anni, o chi vuole prendersi uno spazio per esprimere le sue idee e i suoi desideri. Quei muri sono l’esatta espressione del potere. Che si chiami Noi con Salvini o si chiami Noi con Salvemini (sindaco di Lecce), di fatto i processi portati avanti sono gli stessi. Con brutalità il primo, con il sorriso il secondo, sicurezza e decoro sono la parte centrale dell’agenda del potere. Agenda che significa sempre più polizia nelle strade, TSO, annientamento della vita sociale, espulsione degli indesiderati, controllo totale, omologazione. Perché tutto è collegato e non è possibile sentirsi estranei. Continue reading