Category Archives: Iniziative

(it) Verona, Italia: Una giornata di solidarietà contro un’altra richiesta di sorveglianza speciale (16/11/2019)

Verona, Italia: Una giornata di solidarietà contro un’altra richiesta di sorveglianza speciale (16/11/2019)

Lunedi 30 settembre si è svolta presso il tribunale di Venezia l’udienza per decidere in merito all’applicazione della misura della sorveglianza speciale richiesta dalla questura di Verona nei miei confronti.

Sono Peppe, da qualche anno insieme alla mia compagna vivo in un piccolo comune della provincia di Verona.

In tanti anni di lotte a fianco dei compagni di varie città d’Italia le attenzioni di sbirri e magistrati non mi sono mai mancate, ma da quando abito da queste parti sembra che mi vogliano molto più bene di prima, come testimoniano fatti e fatterelli di ordinaria repressione che abbiamo scritto negli ultimi anni ed altri un po’ meno ordinari che abbiamo anche raccontato di persona. Continue reading

(it) Lecce, Italia: Occupiamo il firmamento. Nuova occupazione anarchica a Lecce

https://roundrobin.info/wp-content/uploads/2019/10/nuova-occupazione-a-Lecce.jpgLecce, Italia: Occupiamo il firmamento. Nuova occupazione anarchica a Lecce

Nell’universo libero, ogni essere umano è una stella indipendente, con una propria rotta. Nell’universo servile, ogni essere umano è nel migliore dei casi un pianeta e nel peggiore un satellite: di per sé spento, illuminato soltanto da un riflesso altrui, costretto in eterno a percorrere la stessa orbita attorno ad un centro (chiamato di volta in volta Stato o nazione, organizzazione o partito, legge o morale, fede o ideologia, ricchezza o carriera).

Ecco perché chi vuole muoversi senza interferenze ha bisogno non solo di allontanarsi il più possibile da ogni percorso prestabilito, ma anche di prendersi un proprio spazio. Continue reading

(it-en-fr-es) Trento, Italia: Operazione “Renata” – Inizio del processo

Trento, Italia: Operazione “Renata” – Inizio del processo

Solidarietà con gli anarchici arrestati nell’operazione “Renata”, accusati di aver attaccato le sedi del razzismo di Stato, gli apparati del controllo tecnologico, le agenzie dello sfruttamento, le banche armate, i servi in divisa del potere.

Se sono “innocenti” hanno tutta la nostra solidarietà.
Se sono “colpevoli” ancora di più.

Venerdì 18 ottobre 2019
Ore 9.00: Presenza solidale dentro e fuori il tribunale di Trento (in largo Pigarelli) per l’inizio del processo.
Ore 18.00: Presidio solidale in via Verdi (davanti alla facoltà di Sociologia), a Trento.

Libertà per Agnese, Giulio, Stecco, Rupert, Sasha, Poza, Nico.
Terrorista è lo Stato. Continue reading

(it) Italia: Prossime iniziative in solidarietà con Vincenzo

Italia: Prossime iniziative in solidarietà con Vincenzo

Riportiamo alcune iniziative in solidarietà con Vincenzo che si terranno nelle prossime settimane. Vincenzo è un anarchico arrestato l’8 agosto 2019 in Francia perché latitante e ricercato dal 2012 a seguito della condanna in cassazione a circa 12 anni di carcere per i giorni di rivolta contro il G8, a Genova, nel luglio del 2001. Continue reading

(it) Marsiglia, Francia: Fiera del libro anarchico

https://foireanarchistemarseille.noblogs.org/files/2019/04/torre-poster.jpgMarsiglia, Francia: Fiera del libro anarchico

Ancora qui.
Ancora qui. A lanciarsi nell’avventura senza freni della pratica anarchica, in quel ciclone di idee libere proteso verso la tempesta dell’azione sregolata, del gioco senza premi da vincere, della vita senza mediazioni.
Ancora qui. Distanti e contro le ideologie che promuovono soggetti politici, contro gli occhiali offuscati dal cittadinismo, contro l’imposizione di una vita securitaria trasformata in abitudine e obbedienza.
Ancora qui. Malgrado i tentativi di recupero e di annientamento dell’idea di libertà. Malgrado il realismo, i moralismi e l’integrazione della logica di potere da parte dei suoi falsi critici, che mirano alla riforma del dominio piuttosto che alla sua distruzione.
Ancora qui. A persistere nella ricerca di sentieri per tessere complicità e combattere l’offensiva tecnologica che rinnova e approfondisce il dominio, per dedicarsi appassionatamente alla distruzione dell’oppressione e dello sfruttamento, per guardare al di là degli orizzonti di questo presente insipido.
Ancora qui. Anche se le dipendenze delle protesi tecnologiche cercano di distrarci dall’incessante annichilimento in corso della nostra sensibilità e della nostra immaginazione. Anche se le relazioni virtuali cercano di privarci della complicità e dell’umanità.
Ancora qui. A rivendicare con amore e fierezza le idee anarchiche, in un’epoca in cui integrazione e repressione vanno di pari passo, oscurando sempre più gli orizzonti di rivolta. Continue reading

(it-en) Roma, Italia: Programma dell’Incontro Internazionale di Liberazione Animale

https://animalgathering2019.noblogs.org/files/2019/04/testheader3.jpg

[ITA] Incontro Internazionale di Liberazione Animale 2019
Roma, 26-28 luglio 2019

Un momento in cui incontrarci, condividere analisi e conoscenze, discutere di pratiche e strategie per la lotta contro l’oppressione degli animali e la distruzione dei loro habitat. Una lotta che è parte di una tensione più ampia contro ogni forma di sfruttamento, oppressione e autorità, per la liberazione totale.

Continue reading

(it-en) Terni, Italia: 19 giugno – Un saluto per Juan e un grido di lotta per le anarchiche prigioniere in sciopero della fame

https://anarhija.info/library/t-i-terni-italia-19-giugno-un-saluto-per-juan-e-un-1.jpg

Terni, Italia: 19 giugno – Un saluto per Juan e un grido di lotta per le anarchiche prigioniere in sciopero della fame

Un saluto per Juan e un grido di lotta per le anarchiche prigioniere in sciopero della fame

Il 19 giugno 2019, dalle ore 18.00, ci troveremo fuori dal carcere di Terni, in via delle Campore 32, per dare un saluto a Juan, anarchico arrestato il 22 maggio in provincia di Brescia e di recente trasferito in questa struttura dove si trovano una sezione AS2 e diverse sezioni di 41bis.

Grideremo il nostro odio per il carcere, in solidarietà con Juan, con Anna e Silvia dal 29 maggio in sciopero della fame nel carcere dell’Aquila e con gli anarchici prigionieri in sciopero della fame in altre carceri.

Mercoledì 19 giugno • Ore 18.00
Presso il carcere di Terni
in via delle Campore 32

[Tratto da anarhija.info].

___________________________________________________________________

Terni, Italy: June 19 – A greeting for Juan and a scream of struggle for the imprisoned anarchists on hunger strike

A greeting for Juan and a scream of struggle for the imprisoned anarchists on hunger strike

On 19 June 2019, from 6.00 pm, we will be outside the prison of Terni, in Via delle Campore 32, to give a greeting to Juan, an anarchist arrested on 22 May in the province of Brescia and recently transferred to this structure where there are a section AS2 and different sections of 41bis.

We will shout our hatred for the prison, in solidarity with Juan, with Anna and Silvia since 29 May on hunger strike in the prison of L’Aquila and with the anarchists on hunger strike in other prisons.

Wednesday 19 June • 6 pm
At the prison of Terni
at via delle Campore 32

(it-en) Pisa: Secondo compleanno del Galeone Occupato

https://galeoneoccupatopisa.noblogs.org/files/2019/05/pp-768x1082.jpgPisa: Secondo compleanno del Galeone Occupato

25 Maggio 2019: Acque radioattive night – 2° compleanno del Galeone Occupato.
Concerto dalle ore 21.00, suonano:
Equin Sterk (Punk&Soda da Rosignano),
Kontatto (D-Beat da Bologna),
Amok (machete hc punk da Treviso).
A seguire dj set.

Benefit per i processati a seguito del corteo contro le acque radioattive.

Nel 2014, nell’ambito del decommissionamento del reattore nucleare sperimentale di San Piero a Grado (CISAM), sono stati versati 750.000 litri di acque radioattive, provenienti dalla piscina di raffreddamento nel canale dei Navicelli di Pisa.
Nel silenzio generale di questo scempio ecologico sono state organizzate mobilitazioni e momenti di confronto che sono sfociati in un corteo autodeterminato che ha attraversato le vie del centro di Pisa.
In seguito a danneggiamenti contro banche e telecamere avvenuti durante il corteo, furono effettuate varie perquisizioni e denunciate varie persone.
Il processo è iniziato in questi giorni.

Galeone Occupato, via Lucchese 65, Pisa.
https://galeoneoccupatopisa.noblogs.org

[Tratto da galeoneoccupatopisa.noblogs.org].

_______________________________________________________________

Pisa: Second birthday of Galeone Occupato

25 May, 2019: Radioactive waters night – 2nd birthday of Galeone Occupato.
Concert at 9.00 pm, will play:
Equin Sterk (Punk&Soda from Rosignano),
Kontatto (D-Beat from Bologna),
Amok (machete hc punk from Treviso).
Dj set following.

Benefits for the defendants in the trial wich followed the demonstration against the radioactive waters.

In 2014, as part of the decommissioning of the experimental nuclear reactor in San Piero a Grado (CISAM), 750.000 liters of radioactive water from the cooling pool were poured into the Navicelli channel of Pisa.
In the general silence of this ecological mess have been organized mobilizations and moments of confrontation that have resulted in a self-determined demonstration that has crossed the streets of the center of Pisa.
Following damage against banks and cameras that occurred during the demonstration, were carried out
various searches and denounced various people.
The trial started these days.

Galeone Occupato, via Lucchese 65, Pisa.
https://galeoneoccupatopisa.noblogs.org

(it) Lucca, 19.05.19: Presentazione del giornale anarchico “Vetriolo” e dibattito

http://infernourbano.altervista.org/wp-content/uploads/2019/05/dibattito-19-maggio-19-lucca.jpgDomenica 19 maggio 2019
Presentazione del giornale anarchico “Vetriolo”

Ore 17.30: Presentazione del progetto e dibattito a partire dagli argomenti affrontati e dalle idee sostenute negli ultimi numeri pubblicati.

Se mettiamo in pratica azioni e fatti in contrapposizione allo Stato, al capitale e a questa società le parole trovano un senso differente. Invece, se queste parole e i termini stessi servono a fare speculazione politica e a darsi un tono di rappresentanza «rivoluzionaria», tanto per rimestare il vuoto, è un’altra cosa. Qui torna la questione della credibilità, in termini minimi, davanti alle persone che hanno nel cuore e nelle mani la volontà di rivoltarsi. E’ inutile che continuiamo a dirci formule trite e ritrite se non agiamo. Il dibattito nel movimento anarchico si è in parte non solo impoverito, ma anche alienato, ossessionato e incancrenito. Acrobazie teoriche, tarli, tabù e gare alla coerenza hanno portato a tralasciare superficialmente questioni fondamentali per chi si prefigge la distruzione dell’esistente. Purtroppo siamo arrivati a livelli in cui i termini definiscono se stessi e non gli eventi. Diciamolo chiaramente, un percorso rivoluzionario si fa strada con la forza, si scontra e insorge. E la rivoluzione? Essa vive sulle macerie (quelle vere) del vecchio mondo.

A seguire: Aperitivo benefit + musica.

Il Palazzo Che Brucia, presso via Don Minzoni 300 (Ex ASA), Lucca.

[Tratto da infernourbano.altervista.org].

(it) Il Cigno Nero

Riceviamo e divulghiamo:

È la metafora con cui per alcuni secoli, a partire da una frase del poeta latino Giovenale, si è indicato un fatto ritenuto impossibile. Poiché l’esperienza comune insegnava che tutti i cigni sono bianchi, l’esistenza di un tale animale dal piumaggio scuro veniva percepita come un’assurdità che mai si sarebbe materializzata. Ma poi, all’inizio dello scorso secolo, alcuni esploratori in Australia si trovarono davanti un esemplare di Chenopis Atrata — un cigno nero.
Da allora con «cigno nero» si intende un fatto inaudito, imprevedibile, inaspettato, il cui verificarsi potrebbe avere un forte impatto giacché con la sua stra-ordinarietà metterebbe fine a quella che viene considerata una norma generale indiscutibile. Ad esempio, in campo finanziario «cigno nero» indica un evento improvviso e catastrofico, impossibile da prevedere in anticipo, temuto dagli speculatori perché avrebbe come effetto il crollo dell’economia.
Ora, se la storia non procede strisciando — come vorrebbe il determinismo — ma a balzi, è proprio perché di tanto in tanto compare un cigno nero. E se ciò fosse possibile anche per il cosiddetto immaginario? L’apparizione di un’idea considerata inverosimile, inconcepibile, non potrebbe minare le fondamenta del pensiero più comune (trogolo di slogan di partito e spot pubblicitari, opinioni giornalistiche e cinguettii telematici), quello che riduce la fantasia più smisurata alle dimensioni di uno schermo?
Forse un’illusione destinata a svanire, comunque una scommessa da azzardare con testardaggine.
Abbiamo quindi deciso di porre sotto l’ala del Cigno Nero alcune iniziative pubbliche (proiezioni di documentari, dibattiti, mostre, rassegne cinematografiche…) che tenteranno di far avvistare il più insolito ed inatteso degli universi mentali, quello che vuole la libertà incompatibile con qualsiasi forma di potere. Sulla necessità, sulla ineluttabilità, sulla eternità di un dominio — in perpetua mutazione nelle sue numerose e talvolta contraddittorie varianti — è stata costruita l’intera civiltà. E la disponibilità alla servitù volontaria, il riflesso condizionato che fa scattare sull’attenti davanti ad un’autorità, si basa proprio sull’intima convinzione che la vita umana non possa fare a meno di gerarchie. Come se un’esistenza priva di ordini a cui obbedire fosse, per l’appunto, un’assurdità.
È nostra ipotesi, e nostro auspicio, che in ogni ambito della vita in questa civiltà, nessuno escluso, possa (e debba) apparire un Cigno Nero capace di sfidare la tradizione, di violare la sacralità, di sbriciolare il luogo comune. Ridando così senso, bellezza ed incanto ai nostri giorni sulla terra ed al mondo stesso che ci ospita, da troppo tempo soffocati da ragioni politiche, leggi di mercato, applicazioni tecniche e dogmi religiosi.
Il Cigno Nero non ha un nido. I suoi avvistamenti dipenderanno, nel tempo come nello spazio, dagli sforzi dei suoi appassionati ricercatori. A stimolo di intraprendenti curiosi che volessero a loro volta «guardare l’impossibile tanto da trasformarlo in una possibilità», le sue tracce verranno raccolte qui:
cignonero.noblogs.org
Il primo appuntamento è previsto per l’11 maggio.
I dettagli saranno annunciati nei prossimi giorni.